Omeopatia

Negli anni intorno al 1780, un giovane e illustre medico tedesco, Samuele Cristiano Federico Hahnemann, consapevole che i rimedi offerti dalla scienza medica non solo erano inadeguati, ma talvolta dannosi alla salute, si ritirò dalla propria attività professionale e, affrontando difficoltà enormi di ordine materiale e morale, dedicò l’intera sua vita a studiare e scoprire i rapporti tra mali e rimedi.

La verità contenuta nella legge dei simili enunciata e praticata da Ippocrate (4° sec. A.C.) fu il principio che portò Hahnemann, dopo lunghi anni di sperimentazioni, a stabilire ed enunciare le leggi di quella nuova terapeutica che Egli chiamò Omeopatia. Da allora la sua scienza e le sue opere si sono diffuse in tutto il mondo nonostante l’avversione e l’ostracismo della scienza ufficiale e, accanto alla medicina allopatica (quella comunemente conosciuta e seguita), si sviluppò e tuttora ottiene sempre più vasto successo, la medicina omeopatica.

E’ riconosciuta ovunque (ma non ancora in Italia) come una branca  della terapeutica con cattedre universitarie e lauree specifiche. Esistono ospedali omeopatici in tutto il mondo, dalla Russia al Sud Africa, dall’India agli U.S.A, in Francia, Germania, Inghilterra, ma non ancora in Italia.
Lo stesso Hahnemann condensò i principi della sua scienza in questo assioma: ”I simili si curano con i simili”.

Omeopatia dunque è quel modo di curare che consiste nel somministrare all’ammalato, in base ai sintomi che presenta, in dosi infinitesimali quel rimedio che in dosi ponderali provocherebbe gli stessi sintomi provati dal malato.
I rimedi omeopatici vanno presi lontano dai pasti ed è bene evitare il caffè, il thè, la menta, il fumo, i liquori e le sostanze aromatiche in genere perché possono diminuire o sviare l’azione del farmaco.

L’omeopatia si rivela molto efficace nei piccoli disturbi dei bambini (febbricole, stati influenzali, tonsilliti, rinofaringiti, ecc.), molto utile nella cura dei problemi ginecologici (alterazioni del ciclo mestruale, processi infiammatori di diversa natura, ecc.), molto valida per problemi di natura psicosomatica, validissima nei problemi a livello respiratorio e nelle varie forme di allergia, dalla rinite allergica alla bronchite asmatiforme e persino a forme dermatologiche su base allergica.