Ossigenozonoterapia

E’ una metodica ormai consolidata da anni di esperienza clinico-scientifica e diffusa in numerosi paesi, in modo particolare negli Stati Uniti. E’ indicata per risolvere o per lo meno migliorare le seguenti patologie:

  1. artrosi, artriti, tendiniti (epicondiliti, epitrocleiti…), sindrome del tunnel carpale, discopatie cervicali e lombari (cervocobrachialgie, lombosciatalgie);
  2. disturbi della circolazione arteriosa, venosa e linfatica: vasculopatie periferiche di origine venosa e arteriosa (postumi di flebite, insufficienza venosa periferica, ulcere periferiche su base vascolare e dismetabolica, linfedema);
  3. turbe neurologiche: dai disturbi della memoria fino agli esiti di ischemia cerebrale, cefalee di varia natura su base tensiva e vascolare;
  4. senescenza con caduta della efficienza mentale e fisica, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson, otosclerosi;
  5. retinopatie su base vascolare e dismetabolica;
  6. epatopatie: dalle semplici turbe della funzionalità epatica fino alle epatiti;
  7. apparato gastrointestinale: gastriti, duodeniti, coliti (colon irritabile, morbo di Crohn, colite ulcerosa);
  8. apparato genito urinario: cistiti ricorrenti, vaginiti;
  9. malattie dermatologiche: herpes simplex e zoster, eczemi acuti e cronici, dermatiti da contatto, acne, psoriasi, micosi;
  10. allergie (riniti, bronchiti, asma);
  11. disordini metabolici: ipercolesterolemia e iperglicemia con le loro complicanze;
  12. stati di deficienza immunitaria;
  13. astenia su base funzionale e organica;
  14. lipodistrofia localizzata (cellulite di ogni tipo e grado).